SiteLock

Art for Education: Artisti Contemporanei dal Pakistan, Museo Diocesano Carlo Maria Martini, Milano, dal 17/10/2018

Apertura della mostra, il 17 ottobre alle 18.30 presso il Museo Diocesano, le curatrici Salima Hashmi e Rosa Maria Falvo terranno undialogo sull’arte pakistanacontemporanea.


La Onlus Italian Friends of The Citizens Foundation TCF e il Museo Diocesano Carlo Maria Martini presentano Art for Education: Artisti Contemporanei dal Pakistan, la prima mostra collettiva di arte contemporanea pakistana in Italia, ospitata dal Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano e nata per sostenere, attraverso il linguaggio universale dell’arte, The Citizens Foundation, l’organizzazione pakistana non governativa, laica e senza scopo di lucroche dal 1995 promuove l’istruzione femminile di qualità in Pakistan.
La mostra organizzata in partnership con il Museo Diocesano Carlo Maria Martini, è curata da SalimaHashmi, artista, critica e intellettuale tra le personalità più influenti in Pakistan, e da Rosa Maria Falvo, critica, curatrice e scrittrice italo-australiana.
In mostra 60 artisti pakistani - tra nomi affermati e conosciuti a livello internazionale e artisti emergenti, selezionati attraverso un concorso indetto da Italian Friends of TCF lo scorso anno. Molti di questi artisti conoscono e sostengono The Citizens Foundation da tempo e proprio per questo ognuno di loro ha deciso di donare la propria opera in occasione della mostra, con l’obiettivo di raccogliere fondi a favore della ONG pakistana.
Tema cardine del progetto è quello da cui prende il titolo la mostra stessa, Art for Education: l’istruzione infatti è il motore che muove l’attività di The Citizens Foundation, ma rappresenta anche un valore universale di crescita individuale e collettiva. Istruzione e creazione artisticariflettono il sostrato culturale del Pakistane sono da sempre strettamente connessi.
Molti degli stessi artisti presenti in mostra infatti, sono o sono stati docenti, diventando dei veri e propri mentor per i loro studenti anche al di fuori delle aule universitarie, a dimostrazione che l’arte può riflettere esigenze e critiche della società e farsene portavoce. In occasione dell’apertura della mostra, il 17 ottobre alle 18.30 presso il Museo Diocesano, le curatrici Salima Hashmi e Rosa Maria Falvo terranno undialogo sull’arte pakistanacontemporanea. A completare l’approfondimento sulla mostra, un incontro il giorno 20 novembre alle 18.30presso il Museo Diocesanofarà un focus su“Le donne del Pakistan: contesto, espressioni, trasformazioni” con le esperte Elisa Giunchi (Università degli Studi di Milano) e Anna Vanzan (Università degli Studi di Milano e di Pavia).
Gli artisti pakistani esposti in mostra affrontano temi dibattuti e comuni al sentire contemporaneo attraverso il loro particolare punto di vista e la sensibilità di chi sperimenta ogni giorno cosa significa vivere in Pakistan. A differenza di come l’opinione dominante dipinge il paese, il Pakistan è interessato da un grande fermento culturale e artisticoche convive con una storia contraddittoria e gravosa fatta di divisioni, dittatura e di quel “sogno musulmano” che ha trasformato la capitale industriale Karachi in una delle metropoli più multietniche e popolose del pianeta con i suoi 23,5 mln di abitanti. Salima Hashmici restituisce una fotografia precisa e stimolante dell’arte pakistana oggi affermando:“It’s odd that the worse things are, the better art becomes” (È strano come più le cose peggiorino, migliore diventi l’arte). L’arte pakistana ha a che fare strettamente con la libertà artistica e individuale e con la possibilità di esprimersi pur in condizioni non sempre favorevoli al libero pensiero. È un’arte sussurrata e raffinata, fortemente simbolica ed evocativa che rispecchia e sottintende le incoerenze della società attuale. Allo stesso tempo è rivoluzionaria perché sa parlare sottovoce ma in maniera potente, proiettandosioltre i propri confini, conservando idealismo,passione e celebrando le tradizioni della sua terra. Non è un caso infatti che nelle scuole e università d’arte si insegnino ancora le tecniche artistiche tradizionali come la miniatura, il ricamo, la tessitura, la calligrafia; come non è un caso il fatto che anche gli artisti delle nuove generazioni attingano a piene mani da esse. Nello studiare e apprendere dalla storia più o meno recente si evidenzia ancora una volta il tema di Art for Education e la volontà di non cancellare il passato, bensì di usarlo come stimolo per cambiare la società in meglio. Un atto di coraggio e responsabilità che permette agli artisti di affrontare temi come la povertà, l’ingiustizia, l’Islam, il ruolo della donna, l’identità di genere, l’amore, l’urbanizzazione. Attraverso l’uso raffinato della tecnica creano manufatti affascinanti dal punto di vista estetico, ma che contemporaneamente celano argomenti difficili da affrontare e a volte tabù.
Faiza Butt, una delle artiste presenti in mostracon l’operaA Dystopian Fantasy,affermache la bellezza delle sue opere porta il visitatore ad avvicinarsi ad esse per scoprirne il significato più profondo legato all’identità di genere, all’infanzia e alla società in cui vive. L’artista utilizza la tecnica del puntinismo mutuata dalla miniatura Moghul applicandola alle fotografie trovate su giornali e riviste e ai pixel di cui sono fatte. Un’operazione simile è quella che compie Rashid Rana, uno degli artisti pakistani più noti al grande pubblico, con War Within VI: partendo da un’opera iconica del neoclassicismo di Jacques-LouisDavid, Il giuramento degli Orazi, crea un effetto di straniamento tra la visione da lontano e quella ravvicinata, affrontando in realtà il tema del nazionalismo e i suoi esiti violenti. Allo stesso modo Imran Qureshi, artista affermatissimo che ha frequentato e ora insegna miniatura al National College of Arts di Lahore, propone nelle sue tele estremamente eleganti dal punto di vista pittorico i temi della mortee della vita, della tragedia e della speranza.
La maggior parte degli artisti esposti in mostra sono donne e questo non è un caso, ma un aspetto legato alla tradizione e alla storia pakistana: nell’antichità l’artigianato era un’attività praticata a casa prevalentemente dalle donne, e persino in tempi recenti per una donna era molto più facile frequentare la scuola d’arte piuttosto che l’università.
Oggi essere artista e donna in Pakistan è un valore aggiunto di cui abbiamo molti esempi, primo fra tutti quello di Adeela Suleman, artista, direttrice del dipartimento di Belle Arti presso la Indus Valley School diarte e architettura a Karachi, e co-fondatore e direttrice di Media Partner VASL Associazione Artisti del Pakistan. Nelle sue sculturee istallazioni dense di significati allegorici, l’artista lavora proprio sul confine tra bellezza naturale, violenza e caos, sublimando le paure terrene attraverso l’arte. Mutuare la tradizione artistica non solo pakistana ma anche occidentale, combinandola con temi di attualità, è la strada che perseguono anche altre artiste come Aisha Khalid, Hamra Abbase Nusra Latif Qureshi; quest’ultima nell’opera esposta in mostra lavora sull’interpretazione selettiva dei testi religiosi applicata alle donne, mostrando come la stessa parola che educa e libera può diventareuno strumento di soppressione nelle mani sbagliate. O ancora Naiza Khanche, come molti altri artisti contemporanei, riflette sul tema dell’urbanizzazione e della rovina, chiedendosi come re-immaginare la socialità in mezzo alla violenza quotidiana della globalizzazione postcoloniale.
Anche gli artisti emergenti dimostrano di conoscere bene la storia del proprio Paese e le tecniche artistiche del passato, e di saperle traslare nell’attualità proponendo spunti di riflessioni universali e fortemente contemporanei: dall’opera intimistica di Rehana Mangia Mahbub Jokhio, che lavora sui concetti di vedere, leggere, percepire e interpretare utilizzando il corano e una poesia del poeta Sindhi sufi Shah Latif; a Sana Obaidche attraverso la wasli paper, una particolare carta realizzata a mano per le miniature, ci regala un’immagine lieve e allo stesso tempo scioccante; a Seema Nusrate alle sue barricate, arrivando fino a Imran Mudassar che, raffigurando uno studente (Talib-i Ilm) delle Madrassa e attraverso i motivifloreali ripresi dai tradizionali modelli di design islamico, stigmatizza la possessività dei dogmi religiosi che questi individui incarnano per tutta la vita. E ancora Asif Khan costruisce nuove narrazioni utilizzando frame da un documentario sulla partizione del Pakistan dall’India; sulla stessa storia, intrecciata con vicende personali e drammatiche, lavora Shakila Haider, mentre Ayesha Durrani indaga il concetto di "bellezza femminile"e la sua rappresentazione guardando sempre alla miniatura.
La mostra Art forEducation: Artisti Contemporanei dal Pakistan, il cui progetto di allestimento è stato realizzato dall’architetto Natasha Calandrino Van Kleef, nasce dalla volontà condivisa di Italian Friends of TCF, delle curatrici e degli artisti coinvolti di supportare, attraverso l’arte, l’attività di The Citizens Foundation, ma non solo: l’obiettivo della mostra è quello di contribuire alla conoscenza del Pakistan in Italia, instaurando un dialogo interculturale e una riflessione sul ruolo e l’importanza dell’educazione nell'arte e dell'arte nell'educazione.

Artisti presenti in mostra:
Hamra ABBAS, Dua ABBAS RIZVI, Aisha ABID HUSSAIN, Farrukh ADNAN, Euceph AHMED, Nurjahan AKHLAQ, David Chalmers ALESWORTH, Mina ARHAM, Sana ARJUMAND, Zahra ASIMU, num BABAR & Matt KUSHAN, Affan BAGHPATI, Farida BATOOL, Faiza BUTT, Ayesha DURRANI, Shakila HAIDER, Amber HAMMAD, Ghulam HUSSAIN, Samina IQBAL, Ayesha JATOI, AyazHussain JOKHIO, Mahbub JOKHIO, Ali KAZIM, Aisha KHALID, Amra KHANAsif KHAN, Naiza KHAN, Saba KHAN, Nusra LATIF QURESHI, Rehana MANGI, Mudassar MANZOOR, Rahat Naveed MASUD, Imran MIR, Hira Tahir MIRZA, Ghulam MOHAMMAD, Imran MUDASSAR, Huma MULJI, Mehreen MURTAZA, HaiderAli NAQVI, Seema NUSRAT, Sana OBAID, Tazeen QAYYUM, Saba QIZILBASH, Imran QURESHI, Aroosa Naz RANA, Rashid RANA, Talha RATHORE, Ali RAZA, Muzzumil RUHEEL, Wardha SHABBIR, Adeela SULEMAN, Abdullah M. I. SYED, Risham SYED, Salman TOOR, Beenish USMAN, Yasser VAYANI, Yasir WAQAS, Adeel uz ZAFAR, Inaam ZAFAR, Mahreen ZUBERI.

- Il 17 ottobre ore18.30 dialogo sull’arte pakistana contemporanea con le curatrici della mostra Salima Hashmi e Rosa Maria Falvo (ingresso da Corso di Porta Ticinese 95
- 20 novembre ore 18:30 focus su“Le donne del Pakistan: contesto, espressioni, trasformazioni” con le esperte Elisa Giunchi - Università degli Studi di Milano e Anna Vanzan - Università degli Studi di Milano e di Pavia. (ingresso da Corso di Porta Ticinese 95)

 

The Citizens Foundation - TCF
L’organizzazione laica e non-profit TCF ha senza dubbio concretizzato un cambiamento positivo per la società pakistana attraverso l’istruzione di qualità per i più bisognosi, puntando in particolare sull’educazione femminile. Il programma curriculare di TCF è molto moderno, si basa su testi pubblicati dalla Oxford University Press, costantemente rivisti e attualizzati. L’insegnamento della lingua inglese è introdotto a partire dalla Class I (anni 5), molto in anticipo rispetto alle scuole statali. TCF ha direcente avviato il Vocational Training Program per insegnare un mestiere alle donne che vivono in condizione di estrema indigenza nei villaggi in cui sorgono le scuole di TCF: corsi di progettazione sartoriale, cucito, ricamo ed estetica, destinati sia alle ex allieve, sia alle donne delle comunità in cui TCF opera. La fondazione ha ricevuto negli anni diversi riconoscimenti internazionali, tra i quali Skoll Award for Social Entrepreneurship e il premio Schwab Foundation Social Entrepreneur of the Year conferito a TCF durante il World Economic Forum a Davos nel 2016, e il più recente, il premio Confucio conferito nel 2017 dall’UNESCO per il programma Aagahi, di alfabetizzazione delle donne adulte nelle aree rurali e negli slum urbani.


Italian Friends of The Citizens Foundation - IFTCF, attiva dal 2010, è una Onlus registrata nel 2013 con sede a Milano. Organizza iniziative culturali e di fundraising a favore dell’istruzione femminile in Pakistan e dei progetti educativi di TCF. In particolare, IFTCF realizza mostre, pubblicazioni di libri ed eventi per raccogliere fondi necessari a questo importante progetto e per favorire la conoscenza e la diffusione della cultura e dell’arte pakistana in Italia. Negli anni ha collaborato con Corriere della Sera, ISPI, We|Women for Expo e Fondazione Bracco. L’intero ricavato dalla vendita delle opere d’arte della mostra sarà devoluto alle scuole TCF per coprire i costi relativi alle uniformi scolastiche, al trasporto in autobus delle insegnanti, ai corsi di aggiornamento, agli emolumenti per le docenti e personale ausiliario, alla manutenzione delle infrastrutture scolastiche.


Salima Hashmi, artista e pittrice,è una delle più influenti e rispettate curatrici d’arte in Pakistan. Figlia del poeta nazionale pakistano FaizAhmed Faiz e della giornalista e attivista inglese Alys Faiz, Salima nasce a New Delhi nel 1942 in un contesto familiare con forte coscienza politica e grande impegno per i diritti civili. Il padre, poeta urdu e marxista, imprigionato varie volte per le sue opinioni politiche, lascia l’India dopo la spartizione del 1947 e la famiglia si installa a Lahore. Dopo aver terminato gli studi di design al National College of Arts (NCA) di Lahore, Salima continua la sua formazione in Gran Bretagnaalla Bath Academyof Arts di Corsham dove si laurea nel 1965 in Art Education e si perfeziona alla Rhode Island School of Design negli Stati Uniti.Dal 1970 Salima insegna alla facoltà d’arte del National College of Arts di Lahore e ne diventa preside dal 1995 al 1999. Durante i 30 anni dedicati all’insegnamento, Salima diventa un punto di riferimento per i suoi allievi, contribuendo a forgiare una nuova generazione di artisti. Attualmente insegna alla School of Visual Arts, nella nuova sede della Beaconhouse National University di Lahore. Salima Hashmi è curatrice di importanti mostre di arte contemporanea in Pakistan e in tutto il mondo (India, Giappone, Europa, Stati Uniti e Australia). Nel 2003 pubblica Unveiling the Visible: Lives and Works of Women Artists of Pakistan,libro che esamina la vita e le opere di 50 pittrici pakistane attive dall’indipendenza. Nel 2007 è co-autrice di Memory, Metaphor, Mutations: Contemporary Art of India and Pakistan pubblicato dalla Oxford University Press, libro che ripercorre i forti legami e l’evoluzione artistica tra i due paesi. Nel 2009 Salima organizza all’Asia Society Museum di New York la prima mostra d’arte pakistana contemporanea negli Stati Uniti: Hanging Fire: Contemporary Art From Pakistan. In parallelo Salima afferma la sua vocazione di scouting e nel 1981 fonda la galleria Rohtas a Islamabad e nel 2001 Rohtas-2 a Lahore, dove tuttora espone e sostiene artisti emergenti. Nel 2014 pubblica per la Penguin Books India The Eye Still Seeks Pakistani Contemporary Art, una visione d’insieme dei movimenti artistici pakistani, considerati fra i più rilevanti dell’Asia del Sud.Il suo impegno civile è costante: membrodella Human Rights Commission del Pakistan, nel 1999 è stata premiata dal governo pakistano con il Pride of Performance for Art Education. Nel 2011 l’Australian Council of Art and Design Schools (ACUADS) l’ha nominata membro internazionale per il suo impegno nell’educazione nel campo dell’arte e del design. Nel 2016 è stata premiata con l’Alma Award dall’Alma Culture Center di Oslo, per la promozione della tolleranza attraverso il linguaggio dell’arte. Nello stesso anno Salima ha ricevuto la laurea honoris causain arte ed educazione dalla Bath Academy of Arts, Regno Unito.


Rosa Maria Falvo, scrittrice Italo-australiana, esperta e curatrice indipendente, specializzata in arte contemporanea dell’area Asia-Pacifico, editor della casa editrice Skira.Laureata con lode in letteratura inglese presso la Monash University di Melbourne, ha studiato anche Storia dell’Arte all’Università di Perugia. Viaggia in tutto il mondo, lavora a stretto contatto con artisti, scrittori, galleristi, collezionisti, fondazioni e numerose istituzioni, curando l'ideazione, la produzione e la promozione di progetti editoriali ed espositivi. È particolarmente interessata al valore dell’arte come veicolo culturale di educazione, scambio e crescita.Partecipa regolarmente alle principali fiere di arte contemporanea, come la Chobi Mela International Photo Festival e la Dhaka Art Summit in Bangladesh. E’ spesso relatrice ospite di istituzioni prestigiose, tra cui, Soros Foundation Almaty, Fotografie Museum Amsterdam, Foreign Correspondents’ Club Tokyo, Shanghai & Beijing M LiteraryFestivals, India Art Fair Delhi, National Geographic Washington D.C., Prince Claus Fund Amsterdam, University of Oxford Centre for Islamic Studies (OCIS), University of Oxford Brasenose College, American Institute of Architects New York, The Photographers’ Gallery London, 21,39 Jeddah Arts, Nanjing International Art Festival, Milan Design Week, Art Dubai, e così via.Ha curato numerosi libri d’arte e svariate mostre sull’arte contemporanea dell'Asia Pacifico, tra le quali “Est di Niente: Contemporary Art from post-Soviet Asia” (Torino 2009), “Rashid Rana” (Chatterjee & Lal/ChemouldMumbai 2010); “Faiza Butt: Pehlwan” (Grosvenor Gallery London 2010); “Shifting Ground: Naiza Khan and Faiza Butt” (Rossi & Rossi Hong Kong 2011); “Shahidul Alam: My Journey as a Witness” (Wilmotte Gallery London 2011); “Fahd Burki” (Grey Noise Gallery Dubai 2013); “Lifeblood: Photographers in Bangladesh” (Dhaka Art Summit 2014); Luciano Benetton’s Imago Mundi Oceania Collections (Australia2015; New Zealand2016; Netherlands 2016; Fiji & Solomon Islands 2018) Rosa è membro del comitato consultivo per:PCF Awards Prince Claus Fundad Amsterdam, Paesi Bassi;Augmenta Art Funda Parigi, Francia;VASL Artists’ Associationa Karachiin Pakistan.


Art for Education: Artisti contemporanei dal Pakistan
A cura di: Salima Hashmi e Rosa Maria Falvo
Dal 17 ottobre al 25/11/2018
Inaugurazione: 16 ottobre 2018 ore 18.30 (ingresso da Corso di Porta Ticinese 95)
Con il patrocinio di: Regione Lombardia, Comune di Milano, Ambasciata Pakistana Roma,  Ambasciata d’Italia Islamabad, Consolato d’Italia a Karachi, Centro di Cultura Italia-Asia
Partners: NVK Design, Gerry’s, IGPDecaux, Arredamenti Allegrini, Zuria Dor, Vasl Artists' Association, Pollice Illuminazione, Open Care, ArtNow, Westlake Tires, Munari & Khan Advisory (Pvt) Ltd. , Joia, Elesta Travel, PIA Pakistan International Airlines, Exibart, Tenuta di Artimino, Barone Sergio, Podere Marella, Centro Copia Digitale M.S., La Serigrafica Editoria Srl
Orari: da martedì a domenica dalle 10 alle 18. Chiuso lunedì (eccetto festivi)La biglietteria chiude alle ore 17.30Biglietti Museo Diocesano + mostraIntero: 8 euro/ Ridotto individuale: 6 euroInformazioni: tel. 02.8942001
Info: biglietteria@museodiocesano.it -http://italianfriends-tcf.org - http://www.tcf.org. - pk@ItalianFriends - TCF@FriendsTCFItaly
Ufficio stampa Italian Friends of TCF: Maria Chiara Salvanelli - M. +39 333 4580190 - mariachiara@salvanelli.it
Ufficio stampa Museo Diocesano: CLP Relazioni Pubbliche - Anna Defrancesco - T. 02 36 755 700 - anna.defrancesco@clponline.it - www.clp1968.it
Associazione Italian Friends of TCF  The Citizens Foundation Onlus - Corso di Porta Nuova, 38 -2 0121 Milano - T.+39 02 3657 0504; Coordinatrice di Art for Education Italian Friends of TCF: Farah Munari Khan - M. +39 346 5708921 -  f.munarikhan@italianfriends;  tcf.org Presidente, Italian Friends of TCF: Gretchen Romig Crosti - M. +39 335 8134309 - g.romigcrosti@italianfriends-tcf.org

Museo Diocesano Carlo Maria Martini
piazza Sant’Eustorgio 3
Milano

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 42 times, 1 visits today)
Condividi su:

I commenti sono chiusi