SiteLock

Aleksandar Garbin: “Disfunkcije & Ekstenzije, Muzej grada Rovinja – Rovigno, Croatia, fino al 9/07/2018

Nel creare la propria arte Garbin usa tecniche contemporanee e tutte le espressioni tipiche della pittura e della scultura. I suoi processi neo-concettuali e post-modernistici si fondano su un'espressione artistica sottoposta ad un enorme riduzionismo. Usa tecniche espressive semplicissime, tipiche del Dadaismo, del Surrealismo, dell'Arte povera e di tutte le loro derivazioni presenti nel mondo artistico più recente. Trattasi, di regola, di materiali semplici, la cui durezza e banalità vengono trasformate impercettibilmente dall'artista in oggetti particolari, quasi esoterici. Pur prevalendo nelle sue opere la scultura fondata sulla cosiddetta tecnica del "ready made", ovvero di oggetti reali che ne vengono a sottolineare il carattere funzionale o disfunzionale, quest'ultimo viene ribadito pure mediante altre espressioni come il video.
Con le proprie opere Garbin esprime, estrae, trasforma per renderle visibili mediante un proprio procedimento artistico le forze sovrapposte, invisibili degli oggetti materiali. Da un lato è un atto, un'azione che decide di spostare o di girare l'oggetto, dall'altro è una modificazione fisica dell'oggetto, caricaturandone la forma originaria. Gli aspetti e le caratteristiche del mondo materiale, profondamente sotterrate nel mondo invisibile delle forze segrete alle quali può arrivare solo un processo mentale, vengono trasformati in visibili. È possibile immaginare l'invisibile e, con l'azione artistica esprimere e mostrare il frutto della fantasia, ma solo a patto che esista un particolare umore dell'animo. D'altro canto però anche l'umore dell'animo appartiene al mondo invisibile delle forze segrete che fanno del suo identificatore un profeta. Con semplicità, con azioni funzionali e disfunzionali, con estensioni agli oggetti, Garbin accentua il paradosso dell'immaterialità. Un paradosso di procedure pensate a fondo, che rendono uguali gli oggetti materiali del nostro mondo e le sconosciute esperienze dei sensi. Con le opere esposte l'artista descrive quanto osservato attraverso i suoi processi psichici – un'introspezione che si trasforma in magica abilità di trasformare il mondo materiale in una realtà precedentemente immaginata.

Garbin se u stvaranju svoje umjetnosti koristi svim tehnikama današnjice i svim izričajima karakterističnih za slikarstvo i kiparstvo. Njegovi se radovi temelje na neokonceptualnim i postmodernističkim postupcima fakture uz velik redukcionizam likovnog izraza. Koristi krajnje jednostavne tehnike izraza, karakteristične nasljeđu dadaizma, nadrealizma, arte povera pa do svih njihovih mogućih izvedbi u novijoj umjetničkoj praksi. U pravilu su to jednostavni materijali čiju sirovost i banalnost umjetnik neprimjetno preobražava u poseban, gotovo ezoteričan predmet. Usprkos tomu što u njegovim radovima prevladava kiparstvo s osnovnom tehnikom "ready made", tj. pravih predmeta kojima je naglašena funkcionalna i disfunkcionalna osobina, te iste osobine naglašava i drugim izričajima kao što je to video.
Svojim radovima Garbin izražava, izvlači i pretvara vidljivima pomoću svog umjetničkog postupka preklapajuće, nevidljive sile materijalnih predmeta. S jedne je strane to čin, radnja koja odlučuje predmet premjestiti ili preokrenuti, a s druge je strane to fizičko mijenjanje predmeta karikiranjem njegova osnovna oblika. Pojave i osobine materijalnoga svijeta koje su duboko zakopane u nevidljivom svijetu tajanstvenih sila, do kojih može doprijeti samo umni proces, pretvara u vidljive. Nevidljivo je moguće zamisliti, a umjetničkom radnjom izraziti i pokazati izmaštano, samo pod pretpostavkom da postoji posebno raspoloženje duha. S druge pak strane i to posebno raspoloženje duha pripada nevidljivom svijetu tajanstvenih sila koje uzdižu njihova prokazatelja u proricatelja. Jednostavno, Garbin u svojim radovima kroz funkcionalne i disfunkcionalne radnje, te ekstenzijama predmeta, naglašava paradoks bespredmetnosti. Paradoks duboko promišljenih postupaka koji izjednačavaju tvarne predmete našeg svijeta s nepoznatim čulnim iskustvima. Izloženim radovima umjetnik opisuje opažanja vlastitih psihičkih procesa – introspekciju koja se pretvara u magijsku sposobnost preobrazbe materijalnog svijeta u prethodno zamišljenu stvarnost.



ALEKSANDAR GARBIN, “DISFUNKCIJE & EKSTENZIJE"
Grande Galleria, I piano
A cura di
: Dario Sošić - dario.sosic@muzej-rovinj.h

Dal 5/06/2018 al 6/07/2018
Orari
: 10.00-22.00

Ingresso: adulti 65,00 kn; pensionati, studenti 55,00 kn; bambini (6-15 anni) 40,00 kn; biglietto di famiglia 160,00 kn; gruppi (min 8) 50,00 kn
Info: http://www.muzej-rovinj.hr/268/Aleksandar-Garbin/Obj1391/IT/?OdjelId=4&

Rovigno Municipal Museum
Trg m. Tita 11,
52210 Rovinj - Rovigno, Hrvatska
http://www.muzej-rovinj.hr - T. ++385 52 816 720

 

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 15 times, 1 visits today)
Condividi su:

I commenti sono chiusi