SiteLock

“La bella principessa” di Leonardo Da Vinci ad Urbino

Dal 5 dicembre 2014 al 18 gennaio 2015
al Salone del Trono del  Palazzo Ducale di Urbino
In anteprima ed esclusiva mondiale: “LA BELLA PRINCIPESSA” di Leonardo Da Vinci

Il dipinto ritrovato di Leonardo da Vinci torna in Italia dopo circa 500 anni, e viene finalmente esposto al grande pubblico. Il ritratto su pergamena è stato definito come uno dei più intriganti gialli della Storia dell’Arte. La piccola miniatura su pergamena (33 per 23,9 cm; 58,1 per 51,7 con la cornice), attribuita a Leonardo da Vinci, raffigura, secondo gli esperti, Bianca Sforza, figlia illegittima poi riconosciuta di Ludovico il Moro, andata sposa giovanissima nel 1496 al condottiero Galeazzo Sanseverino.
Il dipinto faceva parte di un codice  del ‘400,  conosciuto come La Sforziade.
L’opera pittorica venne misteriosamente asportata, e il volume andò dalla corte degli Sforza, a Milano, fino a Varsavia, dove tuttora si trova custodito.
In anni recenti lo splendido ritratto femminile ricompare e giunge tra le mani di alcuni collezionisti.
L’opera diviene proprietà del collezionista canadese Peter Silverman, e dopo varie ricerche  e indagini scientifiche  viene ufficialmente attribuito a Leonardo Da Vinci.
L’opera venne composta dall’umanista Giovanni Simonetta, originariamente in latino per onorare la memoria del defunto duca Francesco Sforza, narrandone le imprese che resero grande Milano. Ludovico, il secondogenito, ordinò una versione italiana tradotta da Cristoforo Landino. Quattro copie stampate su costosa pergamena, destinate a essere regalate, furono riccamente decorate da uno dei miniatori più originali e affascinanti del Rinascimento, Giovanni Pietro Birago.
L’esemplare miniato di Varsavia era stato pubblicato proprio in occasione del matrimonio di Bianca con Sanseverino.  Eseguito con pastelli colorati e inchiostro su un foglio di pergamena, il ritratto venne rimosso dall’incunabolo in cui si trovava e collocato per mezzo di un adesivo su un supporto in legno di quercia. E cosi lo vedremo per la prima volta in una mostra curata da Vittorio Sgarbi e Martin Kemp, catalogo plurilingue Scripta Maneant, nel Salone del Trono del Palazzo Ducale di Urbino, città ideale e capitale del Rinascimento, protetta dal climabox che è servito per “La ragazza dall’orecchino di perla” di Vermeer nella mostra di Bologna.
"L’opera è sicuramente autentica”, ha detto Vittorio Sgarbi, assessore alla rivoluzione e alla cultura del comune di Urbino, intenzionato a far tornare Urbino, "città ideale e universale, la vera capitale delle Marche e della Rinascenza. Se l’attribuzione rimane incerta, in quanto non ci sono firme e documenti in merito, la bellissima miniatura (33 per 24 centimetri di grandezza) è nelle stesse condizioni della gran parte di opere esposte nei musei".
Oggi, con l'attribuzione al genio di Vinci consolidata possiamo vedere questo ritratto (chiamato da Martin Kemp "La Bella Principessa") in anteprima ad Urbino e successivamente nel contesto dell'EXPO 2015 a Milano.
La Bella Principessa è quindi oggi una delle straordinarie testimonianze del talento leonardesco.  L’esposizione a Urbino rappresenta una delle rarissime occasioni in cui il  pubblico può ammirare il ritratto in originale.

Urbino - Palazzo Ducale – Sala del Trono
6 dicembre – 18 gennaio 2015

Catalogo: Martin Kemp "Leonardo da Vinci - Ritratto di Bianca Sforza
LA BELLA PRINCIPESSA
Introduzione di Vittorio Sgarbi
Pagine: 80 

Formato: cm 20 x 28
Lingue: Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Polacco, Russo, Cinese.
Prezzo: € 18,00

Orari: da martedì a domenica: dalle 8:30 alle 19.15; lunedì: dalle 8:30 alle 14:00: lunedì 08 dicembre: dalle 8:30 alle 19:15
Per prenotazioni e informazioni sulla mostra: Numero Verde 800 144 944
Tel. +39 051 223535 - biglietteria@scriptamaneant.it
Ufficio Cultura e Turismo 0722.309.222 / www.labellaprincipessa.itlibro_principessa

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 17 times, 1 visits today)
Condividi su: