SiteLock

La Milano che c’è. Una serie di interviste per capire

Partendo dalla provocazione lanciata da Davide Rampello, Presidente della Triennale di Milano, sulle pagine del Corriere della Sera per la rinascita culturale di Milano, abbiamo iniziato una serie di interviste il 4/08/2009, per capire ed essere anche un punto d'incontro, non solo virtuale, tra Istituzioni Pubbliche e Private.
In questo quadro ci siamo adoperati per rendere attivo il collegamento diretto tra il Ministro Sandro Bondi e il Direttore Paolo Liguori, per tenervi informati sulle innumerevoli attività svolte dal suo Ministero e sulla ricostruzione in Abruzzo, per quanto di sua pertinenza.
Il connubio tra Pubblico e Privato è un modus operandi che abbiamo sempre sostenuto e indicato in numerosissimi incontri con l'intellighenzia, non solo milanese, come strada maestra per il rinnovamento e la rinascita dei valori fondanti di un Paese che ha primeggiato per produzione culturale in tutti campi e che possiede il più grande patrimonio artistico, ahimè assai poco valorizzato.
Occorre che il Pubblico trovi con il Privato una strategia comune, un nuovo modo di fare sistema, che come dice Davide Rampello, sia fatto con generosità, ossia con il cuore in mano, chiamando a raccolta le tante intelligenze che sono presenti, annullando le barriere che spesso impediscono il fare per pregiudizi ideologici o di schieramento. 
Serve uno slancio generoso.
Molti concordano che questa sia la sola strategia possibile.
Milano è stata negli anni del dopoguerra un punto di riferimento importantissimo, sia per l'Europa che per gli Stati Uniti.
Questa città ha ospitato le migliori intelligenze, i più grandi personaggi che qui hanno avuto modo d'incontrarsi e di produrre eventi.
Scrittori, poeti, letterati, intellettuali, filosofi, critici, galleristi, pittori, scultori, collezionisti, architetti, designers, sarti, editori, registi, attori, fotografi facevano parte di un'unica comunità. C'era il piacere d'incontrarsi e insieme del progettare e del fare, e malgrado le disponibilità finanziarie fossero decisamente esigue dettero forma a quello che fu chiamato: "il miracolo di Milano".

Massimiliano Finazzer Flory

Di questa Milano bisogna che venga data testimonianza. L'appuntamento con l'Expo può essere un'ottima occasione.
Occasione per molti anche di passare ai giovani un testimone ricco di realizzazioni, fatte in un periodo di sicura povertà, e che a loro per lo più sono sconosciute.
Certo Milano si è affermata come capitale della Moda e del Design. Ma non basta. Bisogna dare un senso alla società.
Il riportare Milano a punto di riferimento culturale, come lo era in passato, avrò ricadute significative anche dal punto di vista economico. Un euro investito in Cultura ne rende 12/18.
Ricadute, dicevamo, per la città e per le imprese e soprattutto per le giovani generazioni.
Il territorio va ricucito e l'unico filo possibile è quello della Cultura e per Cultura si intende anche il Sociale
Ma, prima di tutto un dato su cui riflettere: Milano con le sue iniziative culturali ha ottenuto quest'anno un numero di ingressi alle mostre superiore a 1.350.000, pari ad un biglietto per abitante e a fine anno la cifra dovrebbe essere di 1.500.000!
A ciò si deve aggiungere il risultato straordinario della Triennale di Milano ottenuto sia nella sua sede istituzionale in via Alemagna che in quella nuova della Bovisa. Ha in programma di aprire sedi in tutto il mondo e quelle di Seul, New York, Shanghai sono già operative.
Su questi dati pesa in modo significativo la presenza dei giovani (73% degli ingressi) e di quanto questa Istituzione sia diventata un punto d'incontro, indipendentemente dagli eventi. Ricordiamo che nel 2009 i visitatori sono stati 501.837 e che la Triennale si autofinanzia per il 59%.
Per una società che va rifondata essere punto di riferimento costituisce eccellenza impagabile.
Il progetto della Grande Brera va in questo senso. I musei vanno ripensati con l'introduzione di aree didattiche, librerie, bar, caffetterie, ristoranti, sale di proiezione e vendita di gadget.
Il tema della gratuità degli ingressi è elemento di riflessione. All'estero hanno vinto la sfida: dalla gratuità dei musei inglesi si passa alla domenica gratuita per il Louvre, ma per tutti i minorenni gli ingressi sono gratuiti anche in Spagna.
Del progetto Grande Brera ne ha parlato il Direttore sia con il Ministro  Sandro Bondi che con Mario Resca.
Sandrina Bandera, Soprintendente e Direttore della Pinacoteca di Brera in un incontro sucessivo ci ha espresso la proposta che venga  istituita una consulta per la cultura e per l'arte come già avviene a Torino.
Serve un progetto di ampio respiro che può sì partire da Milano ma deve investire tutto il Paese e qui vanno rafforzate e sostenute le iniziative del Ministero per i Beni e le Attività Culturali collegandole a quelle del Turismo. Dobbiamo creare un sistema, un metodo diverso di einterpretare il patrimonio e puntare sulla formazione.
Abbiamo un immenso tesoro che con il patrimonio naturale aspetta solo di essere valorizzato, come afferma Mario Resca, Direttore Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale del MiBAC, che a sua volta lancia un appello a Carlo Sangalli, a CONFCOMMERCIO e Sistema Italia.
Milano attende due appuntamenti importanti: il Museo del Novecento (www.museodelnovecento.org) che si inaugurerà a novembre di quest'anno e il Museo d'Arte Contemporanea che dovrà sorgere nell'ex-area fiera su progetto di Daniel Libeskind per City Life.
L'edificio ha una superficie  totale prevista di 18.000 mq, costo iniziale 40 milioni di euro, consegna 2011. Poi la crisi. Un budget di 32 milioni di euro a cui si sommando l'IVA si arriva a 42 milioni, sufficienti a coprire solo 8.000 mq. Entro sei mesi bisogna trovare la differenza per rispettare il progetto iniziale. Teniamo conto anche che il progetto della Fondazione Prada che dovrebbe essere ultimato l'anno prossimo prevede un'area di 15.000 mq.
Un museo tanto atteso dalla città non può essere così ridimensionato. Altre istituzioni come il Ministero dei Beni Culturali, La Provincia e la Regione sono chiamate a fare la loro parte. A ciò si potrebbe aggiungere una pubblica sottoscrizione di obbligazioni da parte dei cittadini, come suggerisce Giorgio Marconi, che su un progetto trasparente e così importante per la città credo non si tirerebbero indietro. Del resto per il recupero della Cascina Cuccagna, di proprietà del Comune, si è aperta la possibilità di acquistare un certificato di sottoscrizione pubblica.
Il 18 marzo è nata una nuova importante iniziativa: "Casa di Letizia Moratti": Una nuova associazione senza fini di lucro, che promuoverà iniziative di natura sociale, l'accrescimento culturale della città e lo sviluppo dell'etica del merito. L'intervento inaugurale del Sindaco, lascia ben sperare. Si vuole favorire l'incontro della politica con la società civile, con le tante energie di Milano, senza barriere con invito a contribuire al dialogo e al fare fra le tante eccellenze che questa città possiede.
Il Corriere della Sera è tornato il 13 maggio con forza su questi temi proponendo un Manifesto per Milano, per risvegliare il coraggio e l'orgoglio. Appello che condividiamo.
Purtroppo in questo quadro di sforzi e di eccellenze in campo, si è abbattuta la mannaia della Finanziaria che ha cancellato di un sol colpo il finanziamento a 232 Istituti ed Enti Culturali tra cui a Milano proprio la Triennale e la Fondazione Poldi Pezzoli, esautorando di fatto il Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi che ha dichiarato:"... Molti degli enti che figurano in quell'elenco vanno soppressi, ma alcuni come il Centro sperimentale di cinematografia, la Triennale di Milano, il Vittoriale, non possono in nessun modo essere considerati lussi...  Avrei voluto decidere insieme: il ministero non doveva essere esautorato. Ora mi metterò al lavoro con i miei collaboratori per capire quali di quegli enti sono eccellenze e quali sono inutili. Ma la scelta va fatta insieme."
Così non si va da nessuna parte, anzi. La Cultura è un bene primario che va difeso per noi e per i nostri figli.
"Non ci sono Enti inutili, ma gestioni non virtuose."  Abbiamo intervistato su tutto ciò Davide Rampello, Presidente della Triennale di Milano.
Il 31 maggio la lista dei 232 Enti, Fondazioni e Istituti culturali contenuti nell'allegato della manovra economica per il 2011-2012 è stata stralciata. Secondo fonti ministeriali spetter� al ministro dei Beni culturali Sandro Bondi valutare su quale settore operare tagli. "Esprimo il mio personale ringraziamento al Presidente del Consiglio dei Ministri, On. Silvio Berlusconi, al Ministro dell'Economia Giulio Tremonti e al dott. Gianni Letta per la sensibilità che hanno dimostrato. Mi metterò al lavoro come sempre con l'assoluta convinzione della necessità e giustezza della manovra, e coinvolgendo tutti i colleghi ministri, presidenti dei gruppi parlamentari e l'intero mondo della cultura su come e in che modo ridurre le spese inutili salvaguardando le eccellenze e le testimonianze più alte della nostra cultura."
Abbiamo incontrato il Presidente della Associazione Casa di Letizia Moratti Marcello Di Capua  Letizia Moratti  nella doppia veste di Presidente onorario della Associazione e di Sindaco di Milano per farci raccontare come è nata questa Associazione, quali finalità si propone e assieme abbiamo incominciato un percorso per capire come la citt� si muove, quale è l'azione del Comune, con quali risultati, con quali obiettivi, traguardando l'EXPO 2015. Ci siamo riproposti degli incontri via via allargati a personalità di rilievo, cominciando a "fare squadra". Anche Davide Rampello ci ha espresso la sua disponibilità a fare altrettanto.


Martedì 8 giugno il Sindaco Letizia Moratti  è venuta nei nostri studi per approfondire, in diretta web con il Direttore Paolo Liguori,  le molte tematiche che riguardano la città, il suo presente e i traguardi futuri.


Il 28 giugno nasce SìAmoMilano! con questi obiettivi: rifondare un sentimento d'amore per Milano, stimolare la capacità di valorizzare le sue eccellenze, mettere insieme le energie di chi Milano la abita per aiutarla a crescere. L'associazione, voluta da un gruppo di amici - milanesi di nascita o di adozione,  si è ritrovata intorno ad un unico principio: l'amore per Milano. L'Assessore Giovanni Terzi; il presidente della Triennale Davide Rampello; il designer Fabio Novembre; lo chef Carlo Cracco; il dj Linus; l'attrice Stefania Rocca; gli stilisti Carlo ed Ennio Capasa,; il filosofo Giulio Giorello; il fotografo Settimo Benedusi; Beatrice Trussardi; l'imprenditore Matteo Marzotto, Mario Lavezzi, Saturnino sono alcuni dei fondatori e firmatari del Manifesto dell'Associazione. Persone che amano questa città e a cui questa città ha dato tanto, che vogliono siano superate le enfatizzazioni delle criticità, che desiderano far ritrovare a tutti i milanesi l'orgoglio di appartenere a Milano.
Soci fondatori: Giovanni Terzi - Assessore Attività Produttive, Moda, Design, Eventi; Linus DJ, conduttore radiofonico, scrittore; Settimio Benedusi, Fotografo; Ennio Capasa, Stilista C'N'C; Carlo Capasa, AD C'N'C; Carlo Cracco, Ristorante Cracco; Stefano Fontana - DJ; Fabio Novembre, Architetto e designer; Sergio Pappalettera, Artista; Davide Rampello, Presidente Triennale; Andrée Shammah , Teatro Parenti.
Sostenitori: Roberto Arditti, Responsabile Comunicazione Expo 2015; Marco Balich, Partner Filmaster Group; Mario Boselli, Presidente Camera Nazionale della Moda; Claudio De Albertis, Presidente Assimpredil Ance; Mario Losio, Imprenditore; Massimo Ferlini, Presidente CDO Milano; Alessandro Mombelloni  - Chairman & CEO Kinetic Italia; Dalia Gaberscik, GOIGEST; Giulio Giorello, Filosofo; Carlo Guglielmi, Presidente COSMIT; Andrea Kerbaker, Manager in campo culturale e scrittore; Mario Lavezzi, Compositore, cantautore e produttore discografico; Salvatore Luca, Presidente Unione Artigiani Provincia Milano; Matteo Marzotto, Imprenditore; Mogol (Alfredo Rapetti), Paroliere; Giorgio Mulé, Direttore Panorama; Franco Mussida, Chitarrista, compositore e cantante; Michele Perini, Presidente Fiera Milano; Camila Raznovich, Giornalista e presentatrice; Giorgio Restelli, Mediaset; Stefania Rocca, Attrice; Marco Sabetta, General manager COSMIT; Sananda Maitreya, artista e imprenditore.
(http://www.facebook.com/notes/siamo-milano/nasce-siamomilano/104372492947827).

Dopo l'annuncio dei tagli dell'80% alla Cultura  per i Comuni, abbiamo intervistato Massimiliani Finazzer Flory, Assessore alla Cultura di Milano.

Il 19 luglio a Palazzo Marino è stato firmato il protocollo d'intesa "per la Conservazione e la Valorizzazione del Patrimonio culturale della città di Milano" dal Sindaco Letizia Moratti, i ministri Ignazio La Russa (Difesa), Mariastella Gelmini (Istruzione), Sandro Bondi (Beni Culturali) e il Commissario straordinario Mario Resca. (il video)
Letizia Moratti: "Un accordo che sviluppa la centralità culturale di Milano nel mondo" e per il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. "Anche Milano finalmente potrà avere grazie al Ministero della Cultura e al dottor Mario Resca, un grande museo di respiro europeo degno della storia e dell'importanza economica e civile della citta".
Il Presidente di Confindustria Emma Marcegaglia  all'assemblea dell'Associazione Civita ha proposto di dare sgravi fiscali a chi investe in Cultura e di affidare ai privati la gestione dei Musei: "Lo Stato, che ha le difficoltà che ha, metta i privati alla prova. Proviamo per qualche anno ad affidare ai privati l'intera gestione di alcuni grandi musei. Ma con voce in capitolo sul personale e la sua organizzazione."
Per i cinque anni di Forma (15 luglio), che festeggia anche la nascita della Fondazione, abbiamo intervistato il suo Presidente Roberto Koch. La Fondazione Forma rappresenta per Milano, con le sue mostre di altissimo livello internazionale e le tante iniziative didattiche, un punto essenziale per la fotografia.

Presentato a Casa di Letizia Moratti, in via Montebello 24, in una sala gremitissima e con tante persone presenti fino al portone d'ingresso, il libro "Io Letizia" Il sindaco di Milano si racconta,
La biografia-intervista è curata dalla redazione di Affaritaliani.it insieme con il giornalista Roberto Poletti per le Edizioni Mind.
Il secondo degli "Incontri con gli autori" promossi dall'Associazione. Protagonista, questa volta, il Presidente Onorario, Letizia Moratti intervistata da Cristina Parodi
Il libro svela una Letizia Moratti inedita, femminile, solare donna della porta accanto innamorata del marito, madre affettuosa, manager rigorosa e impegnata, con un debole per i tacchi alti, le gonne corte, il blackberry e i libri.
Un libro molto piacevole da leggere e persino sorprendente.
A fare da padrone di casa il neo-presidente Mario Azzoni: "è un libro davvero divertente, a tratti scanzonato, che ho letto tutto d'un fiato in una sera senza riuscire a staccare gli occhi dalle pagine. Trovo originale la formula usata, quasi una confessione allo specchio che offre la straordinaria possibilità di scoprire chi è davvero Letizia Moratti, la Letizia che solo gli amici più stretti conoscono, così lontana dall'immagine di algida donna-manager dipinta dai media".
Prima della lunga intervista di Cristina Parodi a Letizia Moratti hanno introdotto la serata Angelo Maria Perrino, direttore di Affaritaliani.it, e l'autore del libro Roberto Poletti: "Ho voluto fare un'operazione verità. Ho voluto rendere giustizia a Letizia Moratti, rispetto a come viene descritta e mi sono trovato di fronte una donna diversa".

Noi abbiamo intervistato il Presidente di Casa Letizia Moratti: Mario Azzoni

La cultura non è sicuramente "un semplice valore aggiunto" ma un mezzo per far crescere la consapevolezza della persona, come sostiene il Cardinale Tettamanzi.
Nell'ambito dell'accrescimento culturale della città bisogna anche non dimenticare le persone che ne danno lustro. A questo valore fà riferimento il premio "Milano Lavora" che nella memoria di Marco Biagi, la cittò, attraverso le mani del sindaco Letizia Moratti e dell'assessore Andrea Mascaretti, ha consegnato ai dieci premiati: Raffaele Bonanni, Segretario Generale CISL, Attilio Camozzi, Presidente Gruppo Camozzi, Dario Di Vico, giornalista e già vice direttore del Corriere della Sera, Esselunga Spa, Alberto Fontana, Presidente Cooperativa Sociale Spazio Aperto, Pietro Ichino, coordinatore servizi legali Camera del Lavoro, giuslavorista, Giacomo Moor, designer, Daria Ada Perez, Executive Search, fondatrice associazione The Substitute, Giorgio Squinzi, Presidente Federchimica e Amministratore Unico del Gruppo Mapei, Luigi Tavella, Ente Nazionale Sordi.
Una scultura del maestro Arnaldo Pomodoro, un premio importante alla memoria di Marco Biagi, a pochi giorni dall'anniversario della sua uccisione da parte delle BR, avvenuta a Bologna il 19 marzo 2002.  
"Una figura di riferimento per il nostro Paese che incarna i valori più autentici di Milano: solidarietà, creatività, dedizione al lavoro, libertà e dignità." come a sottolineato il sindaco Letizia Moratti.

Gianni E. A. Marussi

 

Mario Azzoni, Presidente di Casa Letizia Moratti, intervistato da Gianni Marussi

Paolo Liguori intervista Roberto Formigoni, Governatore della Regione Lombardia

Sandrina Bandera, Soprintendete e Direttrice di Brera, intervista di Gianni Marussi

Mariastella Gelmini intervistata da Gianni Marussi

Ignazio La Russa intervistato da Gianni Marussi

Mario Resca, Comissario Straordinario Grande Brera, intervista di Gianni Marussi

Aldo Bassetti, Presidente Amici di Brera, intervista di Gianni Marussi

Roberto Koch, Presidente Fondazione Forma, intervista di Gianni Marussi

Massimiliano Finazzer Flory, Assessore alla Cultura di Milano, intervista di Gianni Marussi

Paolo Liguori intervista Letizia Moratti, Sindaco di Milano

Letizia Moratti, Presidente onorario della Associazione Casa di Letizia Moratti e di Sindaco di Milano intervistata da Gianni Marussi

Marcello Di Capua, Presidente della Associazione Casa di Letizia Moratti

Davide Rampello: "Gestioni non virtuose, non enti inutili", intervista di Gianni Marussi

Paolo Liguori intervista il Cav. Mario Resca, Direttore Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale

Paolo Liguori intervista Philippe Daverio, docente di design a Palermo e al Politecnico di Milano, critico d'arte, conduttore e autore di Passepartout

Paolo Liguori intervista Angelo Crespi, Presidente del MAGA di Gallarate e Consigliere del Ministro Sandro Bondi

Paolo Liguori intervista Massimo Zanello, Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia

Paolo Liguori intervista Massimiliano Finazzer Flory, Assessore alla Cultura di Milano

Paolo Liguori intervista Davide Rampello, Presidente della Triennale di Milano

Paolo Liguori intervista l' On. Sandro Bondi, Ministroper i Beni e le Attività Culturali

il Cav. Mario Resca, Direttore Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale, intervista di Gianni Marussi

Massimo Zanello, Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia, intervista di Gianni Marussi

Giorgio Marconi, Presidente della Fondazione Marconi, intervista di Gianni Marussi

Davide Rampello, Presidente della Triennale di Milano, intervista di Gianni Marussi

Vittorio Sgarbi, intervista di Gianni Marussi

Martina Mondadori, Consigliere d'Amministrazione Mondadori, Presidente Memoria srl, socio fondatore di Cardi Blak Box, intervista di Gianni Marussi

Nicolò Cardi, CEO galleria Cardi Blak Box, intervista di Gianni Marussi

Massimiliano Finazzer Flory, Assessore alla Cultura di Milano, intervista di Gianni Marussi

Sandrina Bandera, Soprintendente, Direttore della Pinacoteca di Brera, intervista di Gianni Marussi

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 5 times, 1 visits today)
Condividi su: