SiteLock

Archivi categoria : Mostre Italia

Parola Viva – Libri d’artista, Hangart Studio, Pavia, dal 23/11 al 14/12/2019

Hangart Studio ha inaugurato il 23/11/2019 alle ore 18.00: Parola Viva - Libri d’artista, mostra d’arte contemporanea aperta al pubblico dal 23 novembre al 14 dicembre 2019 negli spazi di Hangart Studio in Via Bargiggia 4 a Pavia.
Durante
l’affollata inaugurazione è intervenuto il critico d’arte Giosuè Allegrini con l'artista Ruggero Maggi, introdotti da Silvana Manazza dell' Hangart Studio.



Espongono le loro opere con i libri d'artista:
Salvatore Anelli, Francesco Aprile, Antonio Baglivo, Calogero Barba, Mauro Bellucci, Carla Bertola, Adolfina De Stefani, Teo De Palma, Marcello Diotallevi, Giovanna Donnarumma, Fernanda Fedi, Alessandra Finzi, Giovanni Fontana, Ivana Geviti, Gino Gini, Gennaro Ippolito, Ruggero Maggi, Silvia Manazza, Antonello Mantovani, Gianni Ettore Andrea Marussi, Claudio Romeo, Roberto Testori, Alberto Vitacchio.

Parola Viva è la parola che prima di essere detta, viene pensata e filtrata e poi, con guizzo, come una sferzata mentale si lancia e colpisce… sì a volte colpisce proprio duro!
La parola è specchio del pensiero di cui è portavoce e mediatrice tra suono e mente, tra immagine ed alfabeto.
Parola detta, parola scritta, parola dipinta, parola tatuata… parola viva!
e poi il suo contenitore ideale: il libro d'artista.
Ma cos'è un libro d'artista? Un libro realizzato semplicemente di concerto tra scrittore ed artista? No, non solo. Una definizione chiara di ciò che sia un libro d'artista comunque non esiste; per sua stessa natura il libro d'artista sfugge agli incasellamenti, è una pratica artistica che abbraccia anche altre discipline come l'arte postale, la poesia visiva, la copy art, ecc... tutte pratiche abbastanza borderline che bene si prestano alla sperimentazione poetica ed a una ricerca tecnico/progettuale.
Il libro d'artista è
contenitore e contenuto. È un oggetto polimaterico con infinite varianti formali che sfugge alle regole.
Si può considerare come primo esempio di libro d'artista il noto libro di Stéphane Mallarmé:  “Un coup de Dés jamais n'abolira le Hasard” (Un colpo di dadi mai abolirà il caso) realizzato alla fine dell'Ottocento, in cui l'autore, scardinando ogni regola poetica, amalgama testo con immagine.
Da allora il libro d'artista è divenuto pratica costante di ogni movimento artistico.

Ruggero Maggi 

Stéphane Mallarmé: Un coup de Dés jamais n'abolira le Hasard”, impaginazione autografa, 1896; 1ª edizione 1897 sulla rivista Cosmopolis e poi pubblicata nel 1914 in La Nouvelle Revue française.

Parola Viva - Libri d’artista
Orari
: martedì - sabato: 15.30 - 19.00; per appuntamento chiamando: M. +39 334 9625953
Ingresso: libero
Informazionihangart.studio4@gmail.com - M. +39 334 9625953

Hangart Studio
Via Bargiggia 4
Pavia

 

Print Friendly, PDF & Email

Quarta edizione di Arte per l’Arte, Torno (CO), dal 12 al 14/07/2019

 Arte per l'Arte nasce nel 2016 a Torno dalla collaborazione di Pro Loco e Associazione Culturale "Via De Benzi 17".
È un'iniziativa che intende promuovere e valorizzare Torno con il suo patrimonio artistico presente nelle due chiese principali del paese, S.Tecla alla Riva e S.Giovanni nel Borgo.
In particolare, nella chiesa di S.Giovanni, i lavori già effettuati dagli allievi della Accademia di Belle Arti Aldo Galli di Como, sotto la direzione della docente dott.ssa Vanda Franceschetti, hanno riportato alla luce alcuni preziosi affreschi del XIV secolo, nascosti sotto diversi strati di intonaco. Sono stati inoltre effettuati restauri conservativi sugli affreschi del XV e XVI secolo e su quelli secenteschi dell'arco trionfale riconsegnati al loro primitivo splendore.
Da quattro anni vengono coinvolti artisti contemporanei proponendo di volta in volta tecniche d'arte diverse. Dopo l'incisione, il fumetto e la fotografia, il 2019 sarà dedicato all'affresco, una delle tecniche più antiche in assoluto.
È importante sottolineare che ogni anno gli artisti creano i loro lavori appositamente per l'evento e, molto generosamente, li donano.
Il ricavato delle opere messe in vendita permette di proseguire nel recupero e nella salvaguardia del patrimonio artistico tornasco.
L'ultimo grande obiettivo raggiunto è stato il restauro completo dell'arco trionfale in San Giovanni che si è potuto realizzare anche grazie al contributo della Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus.
Arte per l'Arte è un autentico collettivo atto d'amore per il paese di Torno che coinvolge Pro Loco, Associazione Culturale "Via De Benzi 17", artisti, numerosi volontari, sponsor e tutti coloro, tornaschi e non, che sostengono e promuovono l'iniziativa.

12 artisti coinvolti in questa edizione :
Elena Borghi, Bruno Luzzani, Adriano Caverzasio, Anaid Manoukian, Vito Cimarosti, Fabrizio Musa, Alberto Colombo, Jaime Poblete, Vanda Maria Franceschetti, Emanuele Prina, Basilio Luoni, Antonio Teruzzi.

Si comincia venerdì 12 luglio alle 18 in via De Benzi 17 con l’inaugurazione della mostra e la presentazione degli artisti da parte del critico d’arte Roberto Borghi
Sabato 13 luglio dalle 10 alle 21 saranno aperte le botteghe di via De Benzi e via Plinio e si terrà la vendita delle opere d’arte in mostra.
Dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18 all’interno della chiesa di Santa Tecla si terrà invece un laboratorio dimostrativo di tecnica dell’affresco.
Per i bambini inoltre dalle 15 alle 17 sarà possibile partecipare al laboratorio “Dipingo sul muro”. Infine alle 16.30 dal Municipio prenderà il via la visita guidata alle chiese di San Giovanni e Santa Tecla con gli affreschi finora restaurati.
Anche domenica 14 luglio le botteghe resteranno aperte per la vendita delle opere, dalle 10 alle 18.
Nell’arco della giornata inoltre verranno replicate tutte le attività del sabato, con il doppio appuntamento per la visita guidata nelle chiese sia alle 10 che alle 16.30. 

Ufficio Stampa: Ilona Biondi - ilona.biondi@gmail.com

Print Friendly, PDF & Email

Quarta edizione di Arte per l’Arte, Torno (CO), presentazione ore 21, 5/07/2019


Arte per l'Arte nasce nel 2016 a Torno dalla collaborazione di Pro Loco e Associazione Culturale "Via De Benzi 17".
È un'iniziativa che intende promuovere e valorizzare Torno con il suo patrimonio artistico presente nelle due chiese principali del paese, S.Tecla alla Riva e S.Giovanni nel Borgo.
In particolare, nella chiesa di S.Giovanni, i lavori già effettuati dagli allievi della Accademia di Belle Arti Aldo Galli di Como, sotto la direzione della docente dott.ssa Vanda Franceschetti, hanno riportato alla luce alcuni preziosi affreschi del XIV secolo, nascosti sotto diversi strati di intonaco. Sono stati inoltre effettuati restauri conservativi sugli affreschi del XV e XVI secolo e su quelli secenteschi dell'arco trionfale riconsegnati al loro primitivo splendore.
Da quattro anni vengono coinvolti artisti contemporanei proponendo di volta in volta tecniche d'arte diverse. Dopo l'incisione, il fumetto e la fotografia, il 2019 sarà dedicato all'affresco, una delle tecniche più antiche in assoluto.
È importante sottolineare che ogni anno gli artisti creano i loro lavori appositamente per l'evento e, molto generosamente, li donano.
Il ricavato delle opere messe in vendita permette di proseguire nel recupero e nella salvaguardia del patrimonio artistico tornasco.
L'ultimo grande obiettivo raggiunto è stato il restauro completo dell'arco trionfale in San Giovanni che si è potuto realizzare anche grazie al contributo della Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus.
Arte per l'Arte è un autentico collettivo atto d'amore per il paese di Torno che coinvolge Pro Loco, Associazione Culturale "Via De Benzi 17", artisti, numerosi volontari, sponsor e tutti coloro, tornaschi e non, che sostengono e promuovono l'iniziativa.


Ufficio Stampa: Ilona Biondi - ilona.biondi@gmail.com

Print Friendly, PDF & Email

Gallery Sweet Gallery OUTDOOR, La natura dell’arte, Mariano Comense, (CO), dal 11/05 al 2/06/2019

Gallery Sweet Gallery OUTDOOR, terza edizione, è una biennale di arte contemporanea. Sculture e installazioni realizzate con materiali naturali o di recupero sono esposte in un parco nella brughiera briantea. Le opere sono allestite in una galleria speciale: un ampio terreno agricolo nella zona collinare di Mariano Comense in provincia di Como. L'esposizione è definita da un'opera site specific realizzata da un artista su invito e dalla selezione di opere scelte per bando di concorso.
Il gruppo di lavoro di Gallery Sweet Gallery OUTDOOR è composto da professionisti provenienti dall'ambito della storia dell'arte, dell'economia e management per i beni culturali e della comunicazione. Il team opera in seno all'Associazione Amici dei Musei della Città di Cantù e del suo Territorio, persona giuridica privata non profit con la quale condivide obiettivi e scelte operative, e in collaborazione con il Comune di Mariano Comense.
In primavera, a cadenza biennale dal 2015, Gallery Sweet Gallery OUTDOOR si propone ai visitatori amanti dell'arte e della natura. Su invito, un artista è chiamato a esporre un'opera di arte sostenibile, con un intervento site specific nel parco.
In parallelo è bandito un concorso che permette di selezionare lavori originali in cui dovrà essere presente, nell'ideazione e/o nella realizzazione, elementi naturali organici e/o inorganici in qualsiasi stato di manifestazione (solido, liquido, aeriforme) o materiali di recupero. La capacità delle opere di dialogare con l'ambiente del parco è tra i criteri privilegiati per stilare una graduatoria e scegliere l'opera vincitrice. La giuria è composta da: due curatori, un collezionista, un gallerista e un cittadino marianese individuato per sorteggio.
Aggirarsi tra le opere in mostra è naturale come passeggiare nei boschi.
Gallery Sweet Gallery OUTDOOR è un progetto culturale che propone esposizioni di arte contemporanea all'aperto, in un ambiente definitosi nel corso del tempo e in naturale, continuo cambiamento. Lo spazio aperto non è fondale delle opere bensì partecipa, in vari gradi, della creazione artistica. Gallery Sweet Gallery OUTDOOR è la versione en plein air dell'originaria idea di una galleria racchiusa nell'ambiente domestico e intimo di un'abitazione privata: un unico modo di vivere l'arte in due ambienti diversi, entrambi amati.
Nel parco di Gallery Sweet Gallery OUTDOOR si propone l'esposizione di una selezione di opere. In un contesto strettamente definito, tale sia per il carattere dell'ambiente sia per il rapporto che s'instaura tra oggetto artistico e luogo espositivo, le opere si collocano in una condizione che mira a coinvolgere l'osservatore con estrema immediatezza. Un richiamo per una comunicazione non verbale.
Le opere d'arte ecologica sono esposte in una galleria speciale. Si tratta di un ampio terreno agricolo a Mariano Comense in provincia di Como. Al centro si trova un antico roccolo di carpini, non più mantenuto in forma ma ancora chiaramente leggibile, fiancheggiato da betulle, pini marittimi, robinie. A ovest si estendono, tra il prato, un breve filare di giovani alberi da frutto, una porzione coltivata a orto e gruppi di pini argentati. A est vi è un'area a prato e alberi ad alto fusto, quali pini e abeti. L'accesso al roccolo, centro focale dell'ambiente, avviene tramite un breve viale di cipressi. Percorrendo un sentiero sterrato, ai margini di un vivaio, si accede a un altro terreno erboso lambito su un fianco da un viale di betulle.
È una galleria d'arte speciale dove il soffitto è il cielo e le pareti sono rami e foglie. Gli ambienti cambiano con il cambiare delle stagioni.
Il progetto si articola in due settori paralleli per una durata complessiva dell'esposizione di circa tre settimane tra i mesi di maggio e giugno, a cadenza biennale. Su invito, un artista è chiamato a esporre un'opera di arte sostenibile, con un intervento site specific.
In parallelo è bandito un concorso per cui sono selezionati lavori originali in cui deve essere presente, nell'ideazione e/o nella realizzazione, elementi naturali organici e/o inorganici in qualsiasi stato di manifestazione (solido, liquido, aeriforme) o materiali di recupero. La capacità delle opere di dialogare con l'ambiente del parco è tra i criteri privilegiati per stilare una graduatoria e scegliere l'opera vincitrice. La giuria è composta da cinque soggetti: due curatori, un collezionista, un gallerista e un cittadino marianese individuato per sorteggio. La sezione a concorso è predisposta in modo da poter essere itinerante. In spazi aperti o chiusi, gestiti da enti, istituzioni, associazioni sensibili ai temi e alle produzioni artistiche che il progetto propone, le opere possono godere di una più ampia visibilità e agevolare il processo di definizione di una rete culturale attiva.
L'Associazione Amici dei Musei della Città di Cantù e del suo Territorio, come da statuto, è impegnata sul territorio nella valorizzazione dei beni culturali e nella promozione di attività intese a diffondere la conoscenza dell'arte anche con il coinvolgimento di istituti d'arte e accademie. Nello specifico dell'ambito dell'arte contemporanea, l'Associazione organizza mostre monografiche e collettive, laboratori artistici e realizza prodotti editoriali e di comunicazione.
Il progetto curatoriale ed espositivo si inserisce nel vasto ambito delle tendenze artistiche contemporanee dell'Arte ecologica o Arte eco (Ecological Art o Eco-Art), dell'Arte nella Natura, della Bio arte ambientale (Environmental Bio-Art), dell'Arte effimera (Ephemeral Art), dell'Arte sostenibile, dell'Arte del vivente.
I contenuti che Gallery Sweet Gallery OUTDOOR vuole indagare e comunicare si concentrano sul rapporto tra natura, paesaggio e arti visive, nel quale grande rilevanza ha la relazione personale e affettiva dell'artista, e poi del fruitore, nei confronti della natura e del luogo specifico in cui l'opera viene concepita e realizzata, sono opere vive, vivono della natura nella natura.

Tra le numerosissime proposte inviate, Peppo Peduzzi, presidente dell’Associazione Amici dei Musei della Città di Cantù e del suo Territorio, Laura Marzorati, Giampaolo Mascheroni, soci dell’Associazione, ed Elena Isella, curatrice della mostra, hanno selezionato i lavori di: Luisella Abbondi, gli allievi della Fondazione Minoprio, Valerio Anceschi, Francesco Auciello, Rita Bagnoli, Alessandra Biagini, Vittorio Mario Bianchi, Emanuela Bizzozero, Renato Calaj, Mauro Calvi, Aurelio Porro ed Eleonora Pozzi, Angela Caremi, Anna Cassarino, Centro Diurno di Seregno, Dipartimento Salute Mentale - ASST Vimercate, Fabio Ceschina, Fiorella Cicardi, Virginia Clericetti, Carla Fumagalli, Daniela Gorla Fossa, Milena Gullo, Pino Lia, Battista Luraschi, Elena Mambretti, Anaid Manoukian, Alessandro Marelli, Marta Mariano, Jean Mégier, Massimiliano Miazzo, Microcollection, Yari Miele, Eleonora Monguzzi, Agostina Pallone, Angelo Reccagni, Filippo Sala, Maria Grazia Serina, Sul filo dell’arte, Giordana Zuffardi.

 

Vicino al parco della Gallery Sweet Gallery OUTDOOR, un parco di opere di Lino Cappellini (1933, Mariano Comense) che ha partecipato all'edizione del 2015; pittore e scultore, predilige l’utilizzo di materiali di recupero, metallici e lignei. 

Gallery Sweet Gallery OUTDOOR, La natura dell'arte
Vernissage
: sabato 11 maggio ore 17.00

Finissage: domenica 2 giugno ore 15.00
Accesso: via Luini - via Segantini accanto al civico 90

Orari: tutti i giorni, dalle 9:00 alle 19:00 - Accesso da via Luini - via Segantini accanto al civico 90
Evento organizzato da: Amministrazione Comunale - Elena Isella - elena.isella@gallerysweetgallery.it; Associazione Amici dei Musei della Città di Cantù e del suo Territorio - via Matteotti, 39, 22063 Cantù (Como); Comune di Mariano Comense - Ufficio Manifestazioni, Palazzo del Comune, 2° piano, piazzale Console Tito Manlio, 6/8 -22066 Mariano Comense (Como), telefono: 031.757268 - manifestazioni@comune.mariano-comense.co.it

Print Friendly, PDF & Email