SiteLock

Archivi categoria : Fotografia

Luigi Gattinara: Anima Canis, Ca’ Dei Vale, Basiglio, Milano, dal 30/11/2018 al 15/12/2018

 

Venerdì 30 novembre alle ore 18,30 a Ca’ Dei Vale, P.zza Monsignor Rossi 18, Basiglio (Milano), l’Associazione Rottweiler Rescue Italia Onlus e Dog Park 18 asd hanno presentato il progetto “Anima Canis” del noto fotografo Luigi Gattinara, storie di amicizie raccontate per immagini. Presenterà l’evento lo Storico e Critico d’arte Giorgio Gregorio Grasso

Un viaggio lungo tredici fotografie che esplorano attraverso “l’Anima” (da qui il titolo della mostra) l’unicità del legame tra il cane e il suo padrone, entrambi capaci di accogliere, amare e comprendere. Relazioni che Gattinara ha saputo cogliere in ogni singolo scatto, giocando sapientemente con entrambi i soggetti, cosicché nell’articolarsi della composizione nessuno risulti attore o comprimario in una perfetta simbiosi.

La luce, come per tutti gli scatti di Gattinara, è sovrana. La composizione è pittorica, elegante, e traspone i soggetti in uno spazio senza tempo. La simbiosi tra i personaggi e i loro cani diventa racconto.

 

Le 13 fotografie esposte fanno parte del calendario 2019 messo in vendita per finanziare l’Associazione Rottweiler Rescue Italia Onlus (www.rottweilerescue.it), una organizzazione di volontariato senza scopo di lucro, costituita da un gruppo di volontari che hanno voluto impegnarsi concretamente per aiutare i 4 zampe in difficoltà, concentrandosi in particolar modo sui rottweiler e i loro derivati.

Nata nel 2010, come progetto di “Associazione per l’adozione del cane – Abbaiando si impara” è diventata dal 2016 associazione a se stante, Rottweiler Rescue Italia Onlus. Si occupa in maniera diretta, nei limiti delle sue possibilità economiche, di rottweiler (e derivati) abbandonati e/o maltrattati, ospitandoli in strutture di fiducia, recuperandoli sia dal punto di vista fisico che comportamentale e cercando di reinserirli presso famiglie serie e motivate all’adozione. L’associazione, inoltre, si batte contro il pregiudizio e la discriminazione, che troppo spesso accompagnano questi cani, cercando di fornire una corretta informazione sulla razza e sulla sua corretta gestione. Per svolgere tutto ciò, l’associazione si affida oltre che all’opera dei volontari anche di operatori qualificati nel settore della cinofilia, sia a livello veterinario che psicologico comportamentale.

T. 3473184240 - segreteria@rottweilerescue.it  - www.rottweilerescue.it

Luigi Castelli Gattinara di Zubiena, nato a Roma, usa la macchina fotografica da oltre quarant’anni. Sin da ragazzo, studente del liceo artistico, passa i momenti liberi fotografando orologi ed oggetti di casa, collocandoli lungo le passeggiate del Lungotevere. Le persone non lo interessano: “Hanno una vita, una storia e mi sembra quasi indiscreto fissarle con l’obiettivo. Le cose invece sono interlocutori muti e non condizionano”.
Da Roma si trasferisce a Milano, poi a Caracas, in Venezuela, e nuovamente nel capoluogo lombardo, dove attualmente vive e lavora.
Assieme agli scatti “quotidiani” per l’Advertising (collabora con le più prestigiose Agenzie Pubblicitarie Internazionali) coltiva e custodisce da sempre la passione per i pittori fiamminghi del diciassettesimo secolo, inondando di luce i soggetti delle sue opere e conferendogli una inusuale plasticità tridimensionale.
Scatti su tela”, qualcuno ha argutamente definito le sue opere.
Dal 2017 è Presidente della Triennale della Fotografia Italiana di cui è stato fondatore.
Una nutrita serie di personali in Italia come quella alla Villa Reale di Monza e all’estero, fra cui quelle prestigiose di Parigi, Berlino, Mentone, New York, Tokyo e Singapore hanno confermato Luigi Gattinara come testimone di questo modo d’essere fotografo nell’arte.

“Tutto è pulito, essenziale, moderno, poco carico, con un amore per il dettaglio mai didascalico, con una magia nella luce che sa anche descrivere le ombre. Si ha l’impressione che la luce che emanano questi ‘quadri’ sia sufficiente a farli muovere”
Rossana Bossaglia, critico e storico dell’arte.

Giorgio Gregorio Grasso, laureato in Scienze dei Beni Culturali, critico e storico d’arte e docente universitario, curatore di mostre d’arte nazionali ed internazionali, ideatore e conduttore di trasmissioni televisive sull’arte; Direttore Mediolanum Art Gallery, Padova; Presidente fondazione Arte Contemporanea. 1982; Capo segreteria Assessorato alla Cultura della Regione Lombardia. 1985; Direttore della rivista “ARTERAMA” 1992; Capo della segreteria della Commissione Cultura della Camera. 2006; Capo di gabinetto, Assessorato alla Cultura, Comune di Milano. 2009; Assessore alla Cultura, Comune di Salemi. 2011; Coordinatore del Padiglione Italia della Biennale di Venezia, diretto da Vittorio Sgarbi; Consulente per la cultura del presidente della Provincia di Cuneo; Curatore “Milano Expo International Contemporary Art”; Curatore Biennale Internazionale d’Arte sulle Dolomiti; Curatore Biennale Internazionale d’Arte di Bari; Curatore Padiglione Armenia della Biennale di Venezia; Curatore prima Triennale della Fotografia Italiana, Venezia; Autore del libro “Il Critico e le modelle”


Luigi Gattinara: AnimaCanis
Presenta
: lo Storico e Critico d’arte Giorgio Gregorio Grasso

Ore: 18,30

Ca’ Dei Vale
P.zza Monsignor Rossi 18
Basiglio (Mi)



 

 

Print Friendly, PDF & Email

Tutta mia la città! Dai tetti della Galleria, il racconto fotografico di Milano, Highline Galleria Vittorio Emanuele, Milano, dal 26/11/2018

Il Gruppo MilanoCard presenta, da venerdì 26 ottobre a domenica 24 febbraio 2019, Tutta mia la città! Dai tetti della Galleria, il racconto fotografico di Milano, un percorso per immagini in collaborazione con il Circolo Fotografico Milanese,associazione che opera ininterrottamente a Milano dal 1930, il Civico Archivio Fotografico e il fotografo Andrea Cherchi, allestito in uno…
Per saperne di più

Patricio Reig: La promenade. Sesiones porteña, mc2gallery, Milano, dal 6/11/2018

Opening: Martedì 6 Novembre 2018 - 18.30
Con il patrocinio del Consolato Argentino


"Noi (la divinità indivisa che opera in noi) abbiamo sognato il mondo. L'abbiamo sognato resistente, misterioso, visibile, onnipresente nello spazio e fermo nel tempo; ma abbiamo acconsentito nella sua architettura interstizi tenui ed eterni di nessuna ragione per sapere che è falso ".
Jorge Luis Borges, in Avatars of the Turtle.

Come ultima mostra, mc2gallery presenta la prima personale italiana di Patricio Reig (Argentina, 1959).  Da sempre interessato alla sperimentazione di processi fotografici alternativi, ha focalizzato la sua ricerca su tecniche quali il collodio umido, la carta salata o la fotografia stenopeica, con utilizzo di bitume, caffè o emulsioni sensibili applicate a carte di diverso tipo.

 

Il ricordo, la dimensione onirica, la melanconia, il tempo, i cicli della vita e della morte, le nature morte, la figura femminile, la scrittura, il ready-made, sono alcuni degli elementi del lavoro che Patricio Reig sviluppa con una personale e complessa tecnica espressiva, con formati a cui non siamo abituati per grandezza e dal sapore di dagherrotipo. Ci trasporta in un mondo senza tempo dove ognuno può ritrovare nascosti ricordi che sembrano propri.
I volti resi anonimi e l'universalità di elementi femminili, racchiusi in scatole dove dal plexiglas emergono i ritratti e all’interno delle cornici oggetti, preziose stoffe e carte di libri antichi, che con le fotografie ritrovate nei mercatini ci raccontano una storia senza tempo, di un passato che ci appartiene, wunderkammer del femminino universale.
L'utilizzo calligrafico della scrittura sottolinea la narrazione con testi di grande impatto emotivo.

 

mc2gallery chiude la sede di Via Malaga a dicembre per spostarsi da gennaio 2019 nei nuovi spazi della galleria NContemporary in Via Lulli 5 a Milano. Per i 10 anni di attività nasce un nuovo progetto, continuando la collaborazione con Emanuele Norsa, titolare di NContemporary con cui ha alternato il calendario mostre nella galleria di Via Malaga 4 già da 2 anni.


Patricio Reig  "La promenade. Sesiones porteña"
A cura di
: Claudio Composti
Patrocinio del: Consolato Argentino
Dal
: 6 /11 al 6/12/2018

Orari: da Mercoledì a Sabato ore 15.00/19.00
Ingresso: libero
Come arrivare: MM2 Romolo - P.ta Genova (linea verde)  + bus 74 - 47 (fermata P.za Bilbao); Filobus 90/91 (fermata viale Cassala)

mc2gallery contemporary art
Via Malaga 4 (citofono 72)
Milano  
Tel/fax +39 0287280910 - mc2gallery@gmail.comwww.mc2gallery.com 

 

Print Friendly, PDF & Email

Archivi Aperti, 4ª edizione, Milano sedi varie con Cinisello Balsamo e Dalmine, dal 19/10/2018

LA FOTOGRAFIA IN ITALIA NEGLI ANNI SESSANTA
Cultura, società, arte, immagine

Gli Anni Sessanta sono stati un decennio di grande trasformazione e sperimentazione fotografica che hanno portano a un progressivo distacco della figura del fotografo dal mondo amatoriale cui apparteneva, per configurarsi in modo nuovo e secondo direzioni spesso inaspettate. Interrogandosi sulle proprie specificità. Dialogando con il mondo culturale e artistico, dell'architettura e del design.
Per questo motivo e per la ricchezza dei materiali conservati nella maggior parte degli archivi partecipanti è stato scelto da Rete Fotografia come tema della Quarta Edizione "Archivi Aperti”, rivolta come sempre a un pubblico non soltanto specialistico.
La manifestazione sarà aperta da un Convegno, venerdì 19 ottobre a cui parteciperanno storici, critici e fotografi sul tema: La fotografia in Italia negli anni Sessanta. Cultura, società, arte, immagine
Milano | Palazzo Reale | Piazza Duomo 14. Venerdì 19 ottobre 2018 | h. 14.30 – 20.00
h. 14.30. Saluti e introduzione: Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano; Silvia Paoli, Presidente Rete Fotografia; Renata Meazza, Vicepresidente Rete Fotografia
h. 15 – 17. La fotografia tra società, arte e cultura: questioni, temi, prospettive. Interventi di: Giorgio Bigatti, Mara Campana, Raffaele De Berti, Monica di Barbora, Francesco Faeta, Piero Scaramucci, Roberta Valtorta, Giorgio Zanchetti.
h. 17.30 – 19.30. Tavola rotonda_La fotografia tra società, arte e cultura: le testimonianze dei protagonisti: Maria Vittoria Backhaus, Gianni Berengo Gardin, Enrico Cattaneo, Ernesto Fantozzi, Lelli e Masotti, Uliano Lucas, Giuseppe Morandi, Francesco Radino, Ferdinando Scianna, Marirosa Toscani Ballo

Da sabato 20 ottobre fino a sabato 27 ottobre compreso, si susseguiranno le visite guidate agli archivi e agli studi professionali.

PARTECIPANO:
15 studi di fotografi professionisti
grazie anche alla collaborazione di AFIP International Associazione Fotografi Professionisti, e di GRIN, Gruppo Redattori Iconografici Nazionale:

AFIP con
• Studio Maria Vittoria Backhaus
• Studio Franco Bottino
• Archivio Enrico Cattaneo
• Archivio Cesare Colombo
• Studio Roger Corona
• Studio/Archivio Piero Gemelli
• Archivio Lelli e Masotti
• Archivio Paola Mattioli
• Archivio Graziella Vigo

GRIN con
• Fondazione Gian Paolo Barbieri
• Archivio Ugo Mulas
• Stampatore Parolini
• Studio Francesco Radino
• Studio Maurizio Rebuzzini
• Studio Ferdinando Scianna

15 archivi di Enti, Fondazioni e Musei
• AESS - Archivio Etnografia e Storia Sociale, Regione Lombardia
• APICE – Archivi della Parola, dell'Immagine e della comunicazione editoriale–Università degli Studi di Milano
• Archivio Storico Fondazione Fiera Milano
• Archivio Storico, Fototeca - Società Umanitaria Milano
• Archivio storico Intesa Sanpaolo
• Civico Archivio Fotografico di Milano
• Fondazione Dalmine (Dalmine, BG)
• Fototeca Ando Gilardi
• Fondazione La Triennale di Milano – Biblioteca del Progetto
• Fondazione 3M
• Fondazione Pirelli
• Fondazione AEM – Gruppo A2A
• MUFOCO - Museo di Fotografia Contemporanea (Cinisello Balsamo, MI)
• Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano
• Touring Club Italiano


 

Il calendario di tutti gli appuntamenti, le schede degli archivi partecipanti con le relative proposte e i contatti, il programma del convegno, sono consultabili sul sito di Rete Fotografia: www.retefotografia.it
Il Convegno è a ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Le visite agli archivi sono a prenotazione obbligatoria, tranne quella a cura della Fondazione 3M. 


Comunicazione: Alessandra Pozzi, M. +39 3385965789 - press@alessandrapozzi.com - @retefotografia  - #quartaedizionearchiviaperti 

Print Friendly, PDF & Email